domenica 26 aprile 2015

Piccola quida al mini drone Hubsan X4 H107L: tutto quello che dovete sapere per iniziare a volare

L'Hubsan X4 appena estratto dalla sua confezione
Dopo qualche tentativo con elicotteri radiocomandati ho finalmente acquistato un mini drone. La scelta è stata guidata da una delle varie guide all'acquisto presenti su internet. Allettato dalle ottime recensioni, dal prezzo decisamente abbordabile e dalla sicurezza e rapidità di Amazon, ho ordinato l'Hubsan X4, un piccolo drone molto promettente. 

Premetto, prima di andare avanti, che questo articolo non vuole essere una guida per i professionisti dei droni (che non acquisterebbero mai un mini drone), ma una raccolta di prime impressioni scritte da un profano (il sottoscritto) per altrettanti profani che hanno il desiderio di avvicinarsi al divertimento del volo radiocomandato.

L'acquisto

L'X4 si può acquistare in tre diverse versioni: la H107L versione drone senza telecamera, la H107C con telecamera (da 0,8 mpx o da 2 mpx) e la H107D con telecamera e monitor live view sul radiocomando (il c.d. first person view o FPV). Per iniziare e per non buttare troppi soldi nel caso di danni irreparabili ho scelto la versione base. Insieme al drone ho acquistato la protezione dei rotori, che consiglio assolutamente soprattutto se si è alle prime armi (quando la installate attenzione a rimontare le pale nell'ordine giusto, sono marcate A e B, altrimenti non prende quota). Spesa totale 55 euro.

Attenzione: su internet si trova in vendita anche la prima versione dell'X4, che ovviamente vi sconsiglio di acquistare. Per riconoscerla, sappiate che la nuova versione, rispetto alla precedente, ha i led colorati e i gommini sotto le eliche. On line (ma anche in alcuni negozi di modellismo) si trovano praticamente tutti i ricambi, originali o meno. Esiste anche un pack con 1 chassis, 2 motori, 2 eliche, 2 led, protezione eliche, 1 batteria. La disponibilità dei ricambi e i loro prezzi modici fanno l'X4 un ottimo modello di drone per imparare a volare.

La confezione è costituita da: il drone, il radiocomando, una batteria da 240 mAh, un set con le quattro eliche di ricambio e il cavo USB per ricaricare la batteria. Non troverete la vite per lo sportello batterie del radiocomando (ho letto varie lamentele) ma sinceramente non serve a nulla visto che lo sportellino è a incastro. Nella confezione non è prevista la chiavetta a U per togliere le eliche (che si compra come accessorio a parte) ma potete fare tranquillamente con un cacciavitino o, se avete installato la protezione dei rotori, direttamente con le dita facendo delicatamente leva sulla base delle eliche.


Unica pecca (ma non rilevante) è il fatto che non ci sia un interruttore di accensione (occorre attaccare/staccare la batteria) e che i fili di collegamento della batteria escono dallo chassis (e se non li posizionate bene rischiare di interferire con la rotazione delle eliche. 

La ricarica della batteria da 240 mAh richiede 40-50 minuti. E' possibile l'acquisto di una seconda batteria, come quella fornita o più capiente da 380 mAh (quella di serie dell'H107C, un pò più lunga ma non crea problemi). Con la batteria da 250 mAh l'autonomia misurata è di 9 minuti circa (volo indoor a velocità bassa, potrebbe essere inferiore outdoor). Quando la batteria comincia a scaricarsi i led iniziano a lampeggiare e avete circa 1 minuto di autonomia residua.

Il radiocomando può essere acquistato sia Mode 1 (con elevatore a sinistra e accelleratore a destra) che in Mode 2 (con accelleratore a sinistra e elevatore a destra). A prescindere dalla tipologia di radiocomando, si può cambiare l'impostazione del mode (viene effettuato con la medesima operazione di taratura delle leve del radiocomando). Ovviamente l'impostazione meccanica dei due joystick rimane immutata (in mode2 leva sinistra senza molla e leva dex posizionata al centro con molla di ritorno in posizione centrale). Trovo comodo che lo stick dell'elevatore (quello a sinistra per il mode2) sia senza molla di ritorno (cioè dove viene posizionato rimane) che consente di livellare il drone ad una data altezza senza dover tenere lo stick in posizione).

Diversamente dagli elicotteri (e gli aerei) radiocomandati, i droni non hanno un avanti e un dietro visibili (avendo una forma assolutamente simmetrica). Per ovviare a tale inconveniente le due coppie di eliche hanno una diversa colorazione (bianco/nero, verde/nero o rosso/nero) così da consentire di individuare la parte anteriore del drone. Per lo stesso motivo anche i led posti sotto i rotori hanno le luci di colorazione differente (blu davanti).

Preparare l'X4 al volo

I settaggi principali sono quelli relativi alle leve del radiocomando (stick) e al giroscopio.

Per settare l'escursione dei due stick dovete tenere spento il radiocomando (e il drone) e accendere il radiocomando tenendo le due leve in una specifica posizione (entrambe in alto a sinistra per impostare mode2 e in alto a sinistra una e in alto a destra l'altra per impostare mode 1). Con le leve in posizione accendete il radiocomando, girate entrambe le leve ruotandole fino alla massima escursione (due o tre volte) e poi premete il tasto di uno dei trimmer, fino a quando il led diventa rosso.

Per settare il giroscopio dovete posizione il drone su una superficie orizzontale, accendere sia il drone che il radiocomando. Tenete la leva sinistra in posizione in basso a destra e spostate l'altra orizzontalmente da destra a sinistra e viceversa qualche volta, fino a quando i led azzurri del drone cominceranno a lampeggiare. Continuate sino a quando i led tornano alla luce fissa (qualche istante).

E' possibile anche settare la sensibilità degli stick (avanti/indietro, destra/sinistra, rotazione dex/sin). Con maggiore sensibilità la risposta del drone ai comandi sarà più veloce, mentre con sensibilità inferiore le reazioni sono più lenta. Per poter accedere a tale funzione occorre attivare la modalità "Setup" (basta premere lo stick di destra aspettare il bip e comparirà sul display la scritta SE).

Esiste infine una modalità "Expert" che consente di provare il brivido dei flip, cioè la manovra con il quale il drone fa una capriola (laterale) girando su se stesso per poi ritornare in posizione orizzontale.

Effettuare i settaggi o cambiare le impostazioni è più facile a farsi che a dirsi. Il manuale vi aiuterà poco, la cosa migliore è vedere qualche video guida su YouTube. Potete trovare il manuale in italiano a questo link

L'esperienza di volo

L'Hubsan X4 è davvero molto maneggevole e stabile. I primi voli li ho spiccati in casa per prendere dimestichezza. Gli spazi di casa però non sono mai ampi abbastanza, ma non vi preoccupate l'X4 è quasi indistruttibile (gli oggetti di casa un pò meno!). Le parti più facilmente danneggiabili sono le eliche, ma con 3 euro potete comprare un set nuovo originale. Se montate la protezione dei rotori potete anche andare a sbattere su un muro e il drone tornerà indietro.

Dopo aver imparato a padroneggiare l'X4 tra le mura domestiche, il piacere del primo volo outdoor è davvero il massimo. Non dovrete preoccuparvi degli ostacoli e potrete lanciare il drone in piena libertà. La velocità raggiungibile è davvero notevole, ma le sue dimensioni ridotte (e conseguentemente la potenza dei quattro motori elettrici) si fa sentire soprattutto ad una certa quota, dove il vento è più forte. Per questo motivo nei primi voli all'aperto vi sembrerà di non avere il pieno controllo del drone, ma ci farete presto l'abitudine e vi renderete conto delle ottime qualità dell'X4 (ovviamente in proporzionate al suo costo).

L'Hubsan X4 in volo outdoor
Consigli per volare sicuri

Primo: non fate volare il drone in spazi non adeguati (se non a casa propria, dove potete distruggere quello che vi pare, tanto è tutta roba vostra) e affollati. Anche se l'X4 è un piccolo drone dal peso minimo, le eliche hanno una potenza tale da escoriare o addirittura ferire la pelle (esperienza personale), inoltre i capelli possono facilmente impigliarsi nelle eliche. Anche se l'X4 è pressocchè un giocattolo, ma non va dimenticato che l'ENAC, nel regolamentare l'attività di volo degli Aerei a Pilotaggio Remoto (APR) ha previsto forti limitazione anche per l'utilizzo degli aereomodelli nei posti pubblici. 

Secondo: quando volate outdoor non allontanate il drone da voi eccessivamente, altrimenti non vi renderete conto della direzione effettiva percorsa e quindi non sarete in grado di effettuare le manovre per farlo ritornare verso di voi. Considerate che già a qualche decina di metri da voi, il drone diventa un piccolo oggetto (soprattutto se lo sfondo è costituito da alberi o altri oggetti scuri). Inoltre una volta che vi cade a terra in posizione lontana da voi, non vi sarà facile individuare il posto dell'atterraggio (non per capire la direzione quanto la distanza da voi). Per individuarlo, consiglio di dare leggermente potenza alle eliche (non a tutta manetta altrimenti fate danni) così il leggero sibilo emesso dai motori vi guiderà nella ricerca.  

In questo video potete vedere l'Hubsan X4 in azione ;-)




Non mi rimane che augurarvi buon volo e soprattutto buon divertimento!

Reazioni:

0 commenti:

Posta un commento